REACH – Comunicato Commissione Europea

Un comunicato stampa della Commissione Europea datato 5 marzo 2018 aiuta a ben comprendere nella sua totalità gli obiettivi della principale normativa dell’UE sulle sostanze chimiche (“REACH”), nel miglioramento e nella protezione della salute umana e dell’ambiente. Infatti, la nostra quotidianità non può prescindere dall’uso di sostanze chimiche che compongo elementi di tipo diverso in uso sia in ambiente lavorativo che nell’ambito domestico (capi di vestiario, arredi, giocattoli, complementi, elettrodomestici etc…). Chiaro è che tali sostanze non devono compromettere la salute umana e la salubrità dell’ambiente.

Il Regolamento REACH che obbliga la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche ”oltre che garantire l’impiego in sicurezza delle sostanze chimiche e la progressiva eliminazione delle sostanze pericolose, salvaguarda l’interesse del  produttore dell’UE rispetto la concorrenza dei produttori di paesi terzi, proprio perché garantisce che i prodotti importati rispettino la normativa dell’UE in materia di sostanze chimiche”.

In sintesi, gli interventi del REACH hanno portato:

– al divieto di sostanze chimiche nocive, alla sostituzione delle sostanze più pericolose (“sostanze estremamente preoccupanti”) con alternative più sicure, alla promozione di metodi alternativi alla sperimentazione animale;

– alla raccolta dati completa per la sicurezza delle sostanze chimiche sul mercato unico dell’UE.

La data del 31 maggio 2018 segna l’ultimo giorno entro cui le imprese possono registrare le sostanze chimiche che producono, importano o immettono sul mercato dell’UE in quantità superiori a una tonnellata l’anno.

Commissione europea – Comunicato stampa

Per procedere nella maniera corretta GVS81 aiuta i propri clienti ad effettuare la registrazione dei preparati pericolosi e l’aggiornamento delle informazioni sui prodotti inseriti.

Share the Post:

Related Posts